FOTOGRAFIA CONSAPEVOLE

DOMENICA 5 FEBBRAIO ore 18,00

 Villa Borgognoni, Via Crivelli 1 – Jesi (AN)

      Fotografia e scrittura: cosa hanno in comune? Molto di più di quanto in un primo momento verrebbe da pensare.

In questo libro Simona Guerra (esperta di fotografia) ci racconta il suo approccio alla fotografia – e alla fotografia congiunta alla scrittura – che ha come obiettivo la presa di coscienza profonda di noi stessi e del mondo per mezzo di immagini e parole attuata in modo autonomo, in ambito artistico.
La Fotografia Consapevole™ può aiutarci a superare l’idea della fotografia come mero esercizio di stile o passatempo per intraprendere un rapporto più strutturato e profondo con le immagini e gli scritti che produciamo e con cui veniamo a contatto; per coltivare uno stile più personale; per realizzare progetti composti da testi e fotografie; per verificare in prima persona come la fotografia – e la fotografia congiunta alla scrittura – siano valide armi di difesa e straordinari strumenti in grado di illuminare il nostro cammino.

Un libro necessario a chi vuole uscire dal binario della fotografia fine a sé stessa e a chi vuole rendere il proprio gesto espressivo un luogo ricco di senso.

Ingresso gratuito.

Altre info su Simona Guerra: www.simonaguerra.com

Altre info sulla Fotografia Consapevole™: www.fotografiaconsapevole.com

PER FILO E PER SEGNO

ASSOCIAZIONE TEATRO GIOVANI TEATRO PIRATA – OSTELLO DELLE IDEE

Per filo e per segno

Laboratorio Teatrale di Espressione Corporea

condotto da Cecilia Mancia

Pedagogia corporea J.Lecoq, M. Pagneux, M. Feldenkrais.

Con interventi sulla narrazione collettiva a cura di Lucia Palozzi

per-filo

Il laboratorio si propone di far “parlare” il proprio corpo. Ciò significa conoscerlo bene.

“Se siamo consapevoli di ciò che facciamo, possiamo fare quello che vogliamo.M. Feldenkrais

Mettersi in gioco significa comunicare, utilizzando tutta la nostra persona: la gestualità, il corpo, la voce…prendere coscienza delle proprie potenzialità, che sono insospettabili e infinite.

La disponibilità a sentire ridarà voce e colore a tutto quello che è stato sempre presente nell’interiorità di ciascuno, seppure in maniera nascosta e inconsapevole.

Scopriremo le leggi del movimento, dello spazio, del gioco teatrale, della forma…Solo il corpo, coinvolto nel lavoro, può veramente cogliere l’esattezza di un movimento, la precisione di un gesto, l’evidenza di uno spazio.

“La sensibilità per un attore consiste nell’essere in costante contatto con tutto il corpo.” Peter Brook

Gli incontri di narrazione collettiva prevedono la creazione di testi originali a partire da spunti biografici, letterari, figurativi, musicali e di altro genere e la sperimentazione di tecniche di narrazione teatrale.

Il lavoro sull’ espressione corporea e quello sulla narrazione collettiva procederanno insieme, intrecciandosi nell’elaborazione dei contenuti e della performance conclusiva.

Lavoro il filo
per la necessità di abitare il mio corpo
in un punto interiore
da cui tessere un ordine preciso:
espressione organica
poema camminabile
trappola per chi non sa leggere
l’origine e l’orizzonte del segno. 

Farabbi – La tela di Penelope

OGNI GIOVEDI’ A VILLA BORGOGNONI – JESI

DAL 19 GENNAIO FINO A MAGGIO – ore 20.00 – 22.00

info e prenotazioni:

Cecilia  340 5961767

costo mensile 40 euro


– Attività riconosciuta come formazione per il personale della scuola (ex direttiva Miur 90/2003). Verrà rilasciato attestato di partecipazione e fattura utilizzabile per la rendicontazione del “bonus” vedi comma 121 della legge 107/2015 –

Buon Anno

Iniziamo il 2017 con una bella notizia

Una favola che amiamo molto è quella del colibrì….insieme si può cambiare il mondo. Nell’Agrinido San Ginesio si è inaugurata una Yurta per le letture grazie anche alla solidarietà dei tanti che hanno partecipato alla nostra raccolta fondi.

agrinido-san-ginesio